Dr.ssa Veronica Palermo
BIOLOGO - NUTRIZIONISTA NAPOLI

Sei in: Infonutrizione Blog Articoli Occhio alle diete… quelle pericolose per la salute

Occhio alle diete… quelle pericolose per la salute

29 Maggio 2014 di Dr.ssa Palermo

Da una classifica della British Dietetic Association sarebbero 5 le peggiori diete pericolose per la salute

diete pericolose

La questione del sovrappeso e dell’obesità è oggi un grave problema epidemiologico.

Diete pericolose per la salute sono 5 le peggiori.

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità la sola obesità dei bambini in Italia è al 36% di molto superiore alla media europea, ed è in continua crescita; Nella sola regione Campania 1 bambino su 2 è obeso.

Ciò comporta tutta una serie di patologie, già a partire dall’età scolare, che vanno dall’insulino-resistenza al diabete mellito di tipo II, all’ipertensione e così via. Nel Dicembre del 2012 la British Dietetic Association, (Associazione britannica degli operatori della nutrizione clinica e della dietetica) ha stilato una classifica delle cinque peggiori diete che dovrebbero essere evitate, con le relative caratteristiche che vi riporto in sintesi di seguito.

DIETA DUKAN:

Regime iperproteico messo a punto dal medico francese “zero carboidrati, solo proteine”.

DIETA NUTRIZIONALE ENTERALE CHETOGENA:

Conosciuta anche come “dieta del sondino”, dove si assumono soltanto cibi liquidi attraverso una sonda che dal naso arriva direttamente nello stomaco. È composta principalmente da aminoacidi, sali minerali e acqua; è richiesta integrazione con vitamine e lassativi (totale 800 Kcalorie/die).

PARTY GIRL IV DRIP DIET:

Viene iniettato un cocktail di vitamine del gruppo B, vitamina C, magnesio e calcio per via endovenosa.

DRUNKOREXIA DIET – ALCOREXIA:

“Dieta dell’alcool”.  Dieta liquida prevalentemente di soli alcolici, che se assunti anche in quantità modeste smorzano la fame e consentono l’assunzione di una dose ristretta di alimenti.

SIX WEEKS TO OMG (Oh My God) Diet:

letteralmente «sei settimane di inferno» basata su esercizio fisico mattutino, seguito da una tazza di caffè nero e un bagno gelato per bruciare i grassi, una colazione effettuata non prima delle 10 del mattino, senza frutta e sostanzialmente a base di proteine.

Come si può osservare, spesso viene proposto solo del gossip dietetico, chiacchiericcio senza fondamento scientifico, quando sarebbe opportuno trovare (ed aggiungerei, impegnarsi a farlo) strategie utili a contrastare questo “enorme” problema che si chiama Obesità.

Una dieta non deve avere come unico obiettivo di far dimagrire, il cibo che viene assunto deve assicurare tutti i nutrienti essenziali per le nostre cellule.

Ma cosa sono le diete iperproteiche tanto in voga e perché sono diete pericolose?

Le dite iperproteiche, sono caratterizzate da un eccesso di proteine o di aminoacidi, da una carenza di carboidrati, da una carenza di lipidi insaturi, da una carenza di vitamine e minerali, da una carenza di fibra alimentare e da una carenza di nutrienti ad azione antiossidante, secondo voi queste sono diete che assicurano nutrienti essenziali per le cellule? Beh la risposta è semplice da intuire.

Le diete proteiche hanno la caratteristica di essere chetogeniche (concentrazione di corpi chetonici nel sangue superiore a 3 mg /100 ml).

In condizioni di digiuno temporaneo, inteso come digiuno notturno o anche come impedimento nell’alimentazione temporaneo, la chetosi è una condizione di risposta fisiologica, utile, appunto, se temporanea, perché garantisce energia al cervello.

Obiettivo fondamentale di una sana alimentazione: evitare la chetosi.

Quindi cerchiamo di comprendere le relazioni tra chetosi e metabolismo.
In carenza di carboidrati vi è una perdita iniziale di grasso, una perdita di muscolo e produzione di corpi chetonici. Ciò porta ad un aumento forzato della diuresi con effetto di disidratazione, con una maggiore probabilità di un aumento dell’escrezione del calcio e possibilità di nefrolitiasi.

Bradley U, Spence M, Courtney CH, et al: Low-fat versus low-carbohydrate weight reduction diets: effects on weight loss, insulin resistance, and cardiovascular risk – a randomized control trial. Diabetes 2009;58: 2741–2748.

A livello epatico una condizione di chetosi può portare ad un aumento statisticamente significativo di steatosi epatica non alcolica, NAFLD.

Solga FS, Alkhuraishe KC, Cope K, et al: Breath biomarkers and non-alcoholic fatty liver disease: prelimenary observations. Biomarkers 2006;11:174–183

La chetosi porta anche ad una sindrome di adattamento metabolico (blocco o rallentamento della perdita di massa grassa e/o peso corporeo).

Di seguito ecco elencati alcuni sintomi:

  • Riduzione temperatura corporea (T. ascellare < 36,2°C)
  • Maggiore sensazione di freddo
  • Aumento dell’azotemia, del cortisolo ematico, della glicemia, trigliceridi, colesterolo totale, LDL e riduzione colesterolo HDL
  • Ipo-iperinsulinismo, insulino resistenza
  • ipotiroidismo indotto da carenza di carboidrati
  • Consumo proteine muscolari

Non tutti possono seguire diete iperproteiche, ecco chi non dovrebbe assolutamente intraprenderla:

Soggetti con iperglicemia e stato di insulino-resistenza o coloro che sono affetti da diabete mellito tipo 1 e 2, coloro che sono in ipotiroidismo con FT3 bassa, calcolosi renale, ipercolesterolemia, steatosi epatica, sindrome metabolica, insufficienza renale, insufficienza epatica, malattie cardiache e cerebrali, malattie del sangue, tumori, psicosi, disturbi del comportamento alimentare, alcolismo, gravidanza, allattamento.

Ecco alcune condizioni che si possono verificare a seguito di una dieta chetogenica protratta nel tempo:

Stipsi e meteorismo per la variazione alimentare; (Steatosi epatica); Stress ossidativo per aumento dei radicali liberi (ROS); Modificazioni ciclo; Aritmie cardiache per carenza di potassio; Cefalea, per aumento dei corpi chetonici; Crampi, nausea, vertigini, stanchezza, dovuti ad una riduzione del potassio;  Pelle secca, perdita di capelli.

In conclusione, il messaggio, a proposito di diete pericolose, che vorrei voi tutti portasse a casa è il seguente:

Se dimagrire vuol dire perdere solo massa grassa, senza intaccare massa magra, muscolare, tessuto osseo e acqua corporea, e mantenere una condizione di benessere, non sempre perdere peso è segno di salute, bisogna quindi passare ad un modello di alimentazione consapevole, non limitata nel tempo, ed anzi finalizzata ad acquisire e mantenere un sano stile alimentare, abbandonando la logica della dieta ipocalorica temporanea, ed affidarsi alla scienza, evitando il dannoso fai dai tè.

Articolo pubblicato su SaluteStyle
Anno 2 – Numero 2
Aprile – Maggio 2014

 

Saluti cordiali,
Dr.ssa V. Palermo nutrizionista a Napoli.

2 commenti
Invia un commento

Ricevi notifiche via e-mail. Oppure iscriviti senza commentare.

  1. Paco
    Paco scrive:

    Molto interessante questo articolo, non immaginavo che la dieta chetogena, quella col sondino, facesse male. Grazie sempre per le ttime e gradite informazioni. 🙂

    12 Giugno 2014 alle 18:23
  2. Elena scrive:

    Ciao,
    Ho apena letto il post e mi è sembrato molto interesante. Ho scoperto anche io tante nuove cose che non sapevo. 4 anni fa ho fatto la dieta Dunkan per 1 anno e hora mi rendo conto come, anche se eficace, non è stato salutare per il mio corpo.
    Con il tempo e grazie allo yoga e diversi esserzizi ho imparato a manggiare bene e salutarmente.
    Ho visuto un mese in una scuola di Yoga ad [x], e i pranzi vegetariani mi hanno portato una maggiore coscenza della mia dieta.

    Grazie

    19 Dicembre 2014 alle 11:53