Dr.ssa Veronica Palermo
BIOLOGO - NUTRIZIONISTA NAPOLI

Sei in: Infonutrizione Blog Curiosità Avena proprietà ed usi.

Avena proprietà ed usi.

18 Febbraio 2017 di Dr.ssa Palermo

L’avena è una pianta erbacea che si adatta molto bene alle diverse temperature, ecco perché è stata largamente usata sin dall’antichità.

Avena

L’avena ha un potere calorico di circa 400Kcal un po’ più elevato rispetto agli altri cereali, è ricca di proteine, cellulosa e grassi ed ha una cospicua presenza di minerali e vitamine, calcio, ferro,  fosforo, vit. B, vit. D, è infatti un ottimo ricostituente.

Stimola il metabolismo della tiroide, ha potere riscaldante, aumentando infatti il calore corporeo, ottimo in caso di ansia e depressione e per chi soffre di ipercolesterolemia è un toccasana.

Se si tende al nervosismo è bene alternare l’avena con altri cereali come orzo e riuso dalle proprietà più rilassanti.

Questo cereale può essere utilizzata sotto forma di chicchi, fiocchi o farina.

Anche in cosmesi viene impiegata la farina di avena, per fare impacchi nutrienti ed emollienti o per effettuare dei cataplasmi contro i dolori, in questo caso far bollire per circa 3 minuti in poco aceto. Il cataplasma caldo dei chicchi invece, viene utilizzato, ad esempio, per contrastare dolori intercostali, reumatici o lombo-sciatalgie.

La sua conservazione dipende dalla forma scelta, i chicchi di avena si conservano più facilmente e in modo più sicuro poichè contenendo antiossidanti al loro interno che ne rallentano l’irrancidimento.

La farina di avena può essere utilizzata sia nella preparazione di dolci e se leggermente tostata anche nella preparazione di hamburgher vegetali o polpette o nelle minestre.

I fiocchi d’avena che sono i più utilizzati e conosciuti (si pensi che il porridge si fa con i fiocchi di questo cereale) vengono usati per la preparazione di biscotti di zuppe e di muesli.

Per l’utilizzo dei fiocchi non vi sono particolari accorgimenti, mentre per chi volesse utilizzarla in chicchi deve seguire alcune procedimenti:

  1. Per prima cosa lavare i chicchi sotto acqua fredda più volte finchè  questa non esce limpida per eliminare eventuale impurità, polveri, etc.;
  2. Successivamente lasciare in ammollo in una quantità d’acqua pari a 3 volte il loro volume per un paio di ore;
  3. Successivamente si passerà a cottura, prima a fiamma alta fino a bollore successivamente a fiamma bassa, dovrebbero essere sufficienti 50 minuti circa;
  4. Condire a piacere.

Molto più facile l’utilizzo dei fiocchi d’avena che possono essere utilizzati anche crudi, basta un lieve ammollo nel latte o nello yogurt o nelle zuppe.

barattolo di avena

Potete ora sbizzarrirvi, vi lascio qualche spunto come abbinamento per le vostre ricette:

  • Avena (chicchi) e carciofi;
  • Avena (chicchi) e ceci;
  • Torta d’avena (Fiocchi) e uvetta e thè bancha;
  • Porridge (fiocchi).

 

Saluti cordiali,
Dr.ssa V. Palermo nutrizionista a Napoli.

2 commenti
Invia un commento

Ricevi notifiche via e-mail. Oppure iscriviti senza commentare.

  1. Paolo-Palermo scrive:

    Quella fiocchi d’avena, uvetta e thè bancha le proverò di sicuro, ma credo proprio che proverò anche le altre, molto curioso. Le farò sapere! 🙂

    18 Febbraio 2017 alle 19:42