Dr.ssa Veronica Palermo
BIOLOGO - NUTRIZIONISTA NAPOLI

Sei in: Infonutrizione La nutrizionista risponde Patologie e disturbi alimentari Gluttammina per controllare la fame, quali controindicazioni?

Gluttammina per controllare la fame, quali controindicazioni?

2 Marzo 2017

Domanda:

La glutammina assunta per controllare la fame è dannosa per l’organismo? Quali controindicazioni?

glutammina

Salve Dottoressa,

un amico mi ha consigliato di assumere la glutammina per riuscire a controllare la fame, ma siccome ho trovato molte controindicazioni su internet ed in modo particolare problematiche riguardanti i reni e cerebrali, mi piacerebbe poter avere anche la sua opinione in merito.

Ringrazio anticipatamente.

 

Risposta:

Buonasera,

la glutammina è un amminoacido presente nel nostro corpo, maggiormente nei muscoli ma anche nel fegato, intestino, etc.

In ambito sportivo  viene utilizzata per il recupero muscolare perché aiuta l’organismo ad espellere l’ammoniaca che si forma nelle cellule del tessuto muscolare, avendo un’azione disintossicante.

Ha una funzione importante anche in ambito del sistema nervoso, ricoprendo un ruolo di eccitatore e poiché riesce a superare la barriera ematoencefalica dove viene trasformato in ac. glutammico, energia per il sistema nervoso, ha anche un’azione anti-fame.

Inoltre sembra agisca a livello dell’ormone della crescita, che tra le diverse azioni ha quella di favorire la crescita muscolare.

Le devo però precisare che un suo uso prolungato può correlarsi secondo diversi studi, a diverse patologie come ad esempio nell’epilessia, e nella sindrome del ristorante cinese.

Le consiglio di farsi seguire da uno specialista per valutare dose e tempi di eventuale somministrazione.

 

Saluti cordiali,
Dr.ssa V. Palermo nutrizionista a Napoli.

0 commenti
Invia un commento


Solo gli utenti registrati possono commentare,
per continuare ACCEDI oppure registrati.

Ricevi notifiche via e-mail. Oppure iscriviti senza commentare.