Dr.ssa Veronica Palermo
BIOLOGO - NUTRIZIONISTA NAPOLI

Sei in: Infonutrizione Blog Scelti per voi Nutrizione e sport, il DNA ci viene in aiuto.

Nutrizione e sport, il DNA ci viene in aiuto.

9 novembre 2012 di Dr.ssa Palermo

diversi tipi di sportL’attività fisica fatta regolarmente e senza eccessi 3-4 volte a settimana è sufficiente, è una componente fondamentale per mantenere uno stile di vita sano, spesso però non si osservano i risultati attesi!!!

Non tutti sanno che i benefici di una regolare attività fisica dipendono anche dal nostro DNA e, così come la “dieta” giusta è quella personalizzata, anche il tipo di allenamento corretto è quello personalizzato, conoscendo appunto il DNA dell’individuo.

Ad esempio per raggiungere un potenziamento muscolare individui diversi devono svolgere un’attività fisica diversa, proprio sulla base del loro DNA;

Solo così, in associazione ad una corretta alimentazione, si potrà raggiungere in tempi brevi il massimo dei risultati.
Da oggi lo studio del nostro DNA, può aiutarci anche a prevenire gli spiacevoli effetti collaterali (dolori e traumi), talvolta legati all’esercizio fisico!!

Con questo test, che potrete prenotare presso il mio studio di nutrizione di Napoli, si analizzano 6 polimorfismi (variazioni) di geni coinvolti nella risposta del fisico all’attività sportiva.

Ad esempio le propensioni ad un tipo di attività piuttosto che un’altra (Forza  o resistenza), ad una maggiore infiammazione tissutale od al rischio di incorrere danni tissutali: sulla base di questi risultati sarà possibile così, modulare alcuni parametri chiave in modo mirato e personalizzato.

Il report tecnico infatti conterrà indicazioni da poter seguire per strutturare un allenamento più mirato alle caratteristiche genetiche personali ed agli obiettivi da raggiungere.

VN:F [1.9.22_1171]
Come valuti questo articolo?
Punteggio: 5.0/5 (basato su 16 voti)
Nutrizione e sport, il DNA ci viene in aiuto., 5.0 out of 5 based on 16 ratings
4 commenti
Invia un commento


Solo gli utenti registrati possono commentare,
per continuare ACCEDI oppure registrati.

  1. avatar
    Somrak scrive:

    That’s a well-thought-out answer to a challenging question.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Punteggio: +4 4 voti
    24 marzo 2013 alle 04:29
  2. avatar
    Selma scrive:

    Il DNA era stato isolato per la prima volta dal medico tedesco Friedrick Miescher nel 1869, nello stesso importante decennio in cui Darwin pubblicava L’Origine delle Specie e Mendel comunicava i suoi risultati alla Società di Storia Naturale di Brùnn. La sostanza isolata da Miescher era bianca, zuccherina, leggermente acida e conteneva fosforo. Poiché era stata trovata soltanto nei nuclei delle cellule, venne chiamata acido nucleico. Tale nome fu in seguito modificato in acido deossiribonucleico (DNA) per distinguere questa sostanza da una simile, l’acido ribonucleico (RNA). Ogni nucleotide è formato da una base azotata, dallo zucchero deossiribosio e da una base azotate e un gruppo fosfato. Vi sono due tipi di basi azotate: le purine, che presentano una struttura a due anelli e le pirimidine che hanno un solo anello. Nel DNA vi sono due tipi di purine, l’adenina (A) e la guanina (G) e due tipi di pirimidine, la citosina (C) e la timina (T). Così il DNA è costituito da quattro tipi di nucleotidi che differiscono soltanto per tipo di purine o di pirimidine contenenti azoto.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Punteggio: +1 1 voto
    29 aprile 2013 alle 00:37
    • avatar
      Infonutrizione scrive:

      Grazie per l’approfondimento Selma.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Punteggio: +1 1 voto
      29 aprile 2013 alle 12:07
  3. avatar
    Johnny scrive:

    Un gene è una sequenza di DNA che contiene le informazioni in grado di influire sulle caratteristiche del fenotipo dell’organismo. All’interno di un gene, la sequenza di basi di DNA è utilizzata come stampo per la sintesi di una molecola di RNA che, nella maggior parte dei casi, è tradotta in una molecola peptidica.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Punteggio: +1 1 voto
    6 maggio 2013 alle 22:47